Accreditamento DSA

Domande frequenti per l'accreditamento delle équipe ai fini del rilascio delle certificazioni DSA

No, come chiarito dalla Circolare interpretativa n. 666990 del 27 luglio 2020, l’équipe minima deve essere composta da almeno uno psicologo, un neuropsichiatra infantile e un logopedista. Il terapista della neuro e psicomotricità può affiancare i componenti dell’équipe, senza tuttavia sostituirsi ad alcuno di loro.

No, a differenza della Società tra Professionisti (STP), che tra i vari adempimenti è soggetta all’obbligo di iscrizione all’Albo, l’équipe di liberi professionisti non necessita di un atto costitutivo formale e della sua composizione non deve essere data comunicazione all’Ordine.

Sì, l’équipe prevede una composizione minima che può essere integrata da più professionisti dello stesso ambito: è possibile ad esempio costituire un’équipe che preveda 2 psicologi, 1 neuropsichiatra infantile e 2 logopedisti.

La DGR non prevede alcuna incompatibilità in tal senso. E’ dunque possibile partecipare a più équipe contemporaneamente.

Il coordinatore deve essere nominato tra uno dei professionisti che compongono l’équipe.

Le disposizioni regionali non prevedono alcun divieto sulla possibilità che l’équipe sia composta da professionisti con residenza in altra regione o appartenenza ad altro Ordine territoriale. Se dunque il professionista si rende disponibile ad operare anche presso la sede comune scelta dall’équipe (perché ad esempio ha stabilito di voler essere presente un giorno a settimana), e sussistendo gli altri requisiti, è possibile ottenere l’accreditamento.

La DGR non prevede, ma neanche vieta, tale eventualità. Si ritiene tuttavia che con la DGR la Regione abbia voluto differenziare le funzioni ricoperte dai componenti e quindi è probabile che la Commissione istituita presso la Asl rigetti una richiesta di accreditamento presentata da un’équipe al cui interno un professionista sia presente in un duplice ruolo.

La procedura di accreditamento attiva presso la Asl è relativa alla possibilità di certificare DSA per soggetti in età scolare, al fine dell’attuazione delle misure previste dalla Legge 170/2010 prevede, e non invece in età adulta.

Per far parte dell’équipe è necessario che tutti i professionisti rispettino la standard formativo ed esperienziale individuato dalla Regione.

L’ubicazione della sede deve insistere sul territorio di competenza della Asl presso cui si richiede l’accreditamento e può coincidere con lo studio di uno dei professionisti che compongono l’équipe.

Sì, non vi sono disposizioni contrarie al riguardo, per cui il paziente potrà essere ricevuto anche presso un altro studio ove esercita uno dei componenti dell’équipe.

Le riforme universitarie degli anni passati quantificano l’impegno richiesto da 100 ore di studio in 4 crediti formativi universitari (CFU). Per stabilire se la propria formazione post lauream soddisfi il requisito indicato dalla Regione, è consigliabile prendere contatti con la Segreteria della propria Scuola e verificare se nel percorso formativo sia stato dedicato un modulo inerente ai DSA quantificato in 4 CFU. Con riferimento al corso di specializzazione universitaria in Neuropsicologia, interrogata dall’Ordine, l’Università Sapienza ha ad esempio confermato che nel corso di tutti gli anni passati le specializzazioni in neuropsicologia hanno sempre previsto nel piano di studi almeno 4 CFU in ambito DSA.
 

No, purtroppo al momento sono ritenuti validi, ai fini dell’accreditamento, soltanto i corsi ECM di almeno 100 ore svolti in maniera residenziale.

A prescindere dagli esiti del giudizio in materia di ECM promosso dall’Ordine degli Psicologi del Lazio, il regime di accreditamento presso la Regione Lazio rende ciascun componente dell’équipe soggetto l’obbligo di conseguire crediti ECM. Tra i 150 crediti che ciascun operatore dovrà conseguire nel triennio, almeno 75 crediti ECM dovranno essere conseguiti nell’ambito dei disturbi neuropsicologici dell’età evolutiva o dei disturbi del linguaggio. In alternativa ai 75 crediti ECM è possibile far valere 9 CFU, da conseguire nell’ambito di analogo corso universitario.

Il dottorato nel rientra nel più ampio insieme di studi universitari. E' valido se comporta la maturazione di almeno 4 CFU a seguito di formazione specifica sui DSA.

No, la docenza deve essere svolta nell’ambito di un corso post lauream tra quelli indicati.

La formazione, con i requisiti indicati in DGR, è valida solo relativa a un percorso post lauream tra quelli indicati.

No, la Regione non prevede la possibilità di far valere come requisito la frequenza di più corsi, anche se le loro singole durate, sommate superano il totale di 100 ore.

No, è richiesto il requisito della residenzialità della formazione.

Sì, purché siano attivati da un’Università riconosciuta dal Miur e siano articolati in CFU.

Se la docenza è di almeno 3 anni e avviene nell’ambito di corsi post lauream universitari pubblici o privati di almeno 100 ore (4 CFU) può essere un requisito valido. Per la docenza nei corsi ECM è richiesto il requisito della residenzialità.
 

No, il tirocinio non rientra tra i requisiti formativi individuati dalla regione Lazio.

Sì, se è possibile disporre di una certificazione attestante l’esperienza clinica maturata nell’ambito della redazione di diagnosi di DSA, opportunamente supervisionata.

Lo psicologo ha titolo per partecipare se nell’ultimo triennio ha maturato 300 ore di esperienza clinica nell’ambito dei DSA sia presso strutture pubbliche (ASL, IRCCS, Aziende ospedaliere) sia presso studi/centri privati che abbiano redatto diagnosi di DSA. Nel caso di collaborazione in ambito privato occorrerà ottenere dalla struttura/centro privato una specifica attestazione, da allegare alla richiesta di accreditamento, dalla quale emerga il numero di ore in cui è consistita l’attività.
 

Sì, in tal caso, non potendo disporre di un’attestazione, l’interessato dovrà sottoscrivere una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (artt. 46 e 47 Dpr. 445/2000) con cui dovrà autocertificare, sotto la propria responsabilità, anche penale, l’esperienza maturata. Si ricorda che la Asl ha facoltà, in fase attività accertatoria, di verificare l’autenticità delle dichiarazioni rese, anche richiedendo ad esempio copie di fatture dimostrative.

Sì, è già possibile inviare la domanda di accreditamento, a prescindere dal l'imminente approvazione della Legge Regionale sui DSA. La DGR è già di per sé operativa.

No, è possibile presentare domanda in qualsiasi momento.

No, la Regione Lazio non ha stabilito alcun tariffario per la determinazione del compenso, che è rimessa dunque alla libera contrattazione.

No, l’accreditamento potrà essere ottenuto da tutte le équipe in possesso dei requisiti.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie Policy