L’applicazione del biofeedback nello sport

Video protetto

L’applicazione del biofeedback nello sport

Come guadagnare consapevolezza e controllo su funzioni biologiche

Uno degli obiettivi principali della preparazione psicologica nello sport è insegnare agli atleti, e allenarli, a far fronte allo stress competitivo e a tutte le dinamiche ad esso connesse. Si tratta di fornire loro un bagaglio di tecniche psicologiche che possano aiutarli a superare difficoltà che li condizionano nella propria disciplina, come ad esempio alti livelli di ansia, discontinuità nella concentrazione, infortuni, ecc.
Affinché l’atleta possa raggiungere le prestazioni ottimali è quindi opportuno che apprenda strategie volte ad ottenere un controllo volontario su specifiche funzioni biologiche.

Gli interventi di biofeedback e neurofeedback si basano sul principio psicofisiologico presentato da Green e Walters nel 1970, il quale afferma che ad ogni cambiamento fisiologico è associato un concomitante cambiamento nello stato mentale ed emozionale e, viceversa, ad ogni cambiamento, conscio o no, nello stato mentale ed emozionale è associato un corrispondente cambiamento nello stato fisiologico.

Utilizzando dispositivi elettronici di monitoraggio, l’atleta può visualizzare questi cambiamenti fisiologici e osservarne andamento e modulazione rispetto a stati di riposo e di attivazione, con l’obiettivo finale di guadagnare consapevolezza e controllo su funzioni biologiche che possono altrimenti ostacolare il raggiungimento della massima prestazione.

Relatore
Daniele Stizza

Allegati

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie Policy