HIV: è ancora rilevante parlarne?

Stigma intersezionale, stress delle minoranze e effetti sulla salute

In 40 anni di lotta all’HIV/AIDS sono stati fatti enormi progressi sul piano della ricerca, della prevenzione e del trattamento, ma lo stigma verso l’HIV rimane uno dei fattori principali che contribuisce a incrementare lo stress psicosociale, condizioni di coercizione, violenza e condizioni di esclusione sociale da parte delle persone che vivono con l’HIV (PLWH).

Tra le PLWH, il sottogruppo di uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (MSM) è spesso indicato come popolazione chiave in cui è possibile osservare il fenomeno dell’intersezionalità, ossia la “co-presenza di diverse forme di stigma e pregiudizio” legate non solo allo status sierologico, ma anche all’identità e al comportamento sessuale.

In tal senso, risulta importante esplorare l'intersezionalità tra positività all’HIV e appartenenza a una minoranza sessuale, mettendo in luce le complesse dinamiche biopsicosociali che interagiscono nella messa in atto di comportamenti salutari e a rischio. All’interno del seminario verranno presentati i più recenti dati di ricerca e discusse le implicazioni cliniche.

Protagonisti

  • Debora Peruzzi

    Psicologa, Sessuologa Clinica, Componente del Gruppo di Lavoro "Psicologia e Sessualità" dell'Ordine degli Psicologi del Lazio.

  • Filippo Maria Nimbi

    Psicologo, Sessuologo clinico. Assegnista di ricerca e docente a contratto presso il Dipartimento di Psicologia Dinamica Clinica e Salute, Sapienza Università di Roma

Informazioni

  • L'evento verrà videoregistrato e sarà disponibile sul sito dell'Ordine.
  • E' previsto un attestato di partecipazione a coloro che avranno seguito l'evento per almeno il 70% della sua durata.
  • Destinatari dell'evento: iscritti.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie Policy